Un metodo di ascolto dei sintomi

Il metodo Ascolto Biologico  si basa essenzialmente sull’ascolto della persona a partire dal suo essere biologico, dal suo corpo.

Si parte per esempio da un sintomo fisico per porre delle domande precise che permettono alla persona di toccare con le proprie emozioni (…e non con la testa) la verità che da lui stesso emerge.

Il metodo Ascolto Biologico promuove l’auto-guarigione e invita ad assumersi la responsabilità della propria salute e a non delegarla a un esperto.

Tuttavia sebbene il corpo sia estremamente saggio e nulla fa a caso, la nostra mente è allenata a mentire e a farlo spudoratamente. Nella vita quotidiana la persona è mediamente ipnotizzata da una cultura in cui si pensa che i sintomi siano un male, una minaccia gratuita (priva di scopo) e che quindi vadano combattuti.

Quindi al di là di quel che uno può pensare, spesso le emozioni di paura, come nei mercati finanziari (l’avidità e la paura), prendono il sopravvento e inducono la persona a reagire in modo da innescare una recidiva del processo biologico iniziale e quindi a bloccare quel processo naturale che vuole procurarci protezione e sopravvivenza.

In questo senso l’esperienza ci suggerisce che le persone hanno bisogno di essere accompagnate nel loro processo di auto-guarigione per superare paura e pessimismo. Il ruolo del consulente in Ascolto Biologico quindi non è quello del Guru che dall’alto fa o meno miracoli ma è quello di far emergere la verità “biologica” dal cuore e dal corpo della persona, aiutandola a superare gli ostacoli della mente.

 

Torna in alto